San Galgano

Il 24 dicembre del 1984 si sono stato per la prima volta.  Era la Vigilia di Natale, avremmo trascorso il Natale tra amici, a Firenze, ma non per questo lo ricordo, ricordo l’angoscia del cameriere dell’albergo che al mattino ci serviva la colazione e ci spiegava cosa fosse successo la sera prima a San Benedetto val di Sambro. Quella notte il “Rapido 904”, una settimana prima l’aeroporto di Fiumicino …che brutto periodo. Le notizie le avevamo poi sentite anche durante il tragitto in macchina alla radio.  Decidemmo di spegnere la radio ed i due amici di Firenze ci descrissero SAN GALGANO la meta della gita.  Questo è primo ricordo che associo a SAN GALGANO, si trova a circa 35 km da Siena, se si percorre la SP73Bis. Sono i resti di una Abbazia Cistercense semidistrutta da un incendio ed abbandonata, sorge nel mezzo di uno spiazzo pianeggiante circondato da lievi colline. Nelle vicinanze l’Eremo di MONTE SIEPI con la sua “La Spada nella Roccia” e le Mani mozze, di chi avrebbe cercato di rubarla.

Da allora ci sono tornato più volte, nel 1987, 2006 e nel 2017 quando ho deciso di pernottare nella vicina struttura, il CASALE SAN GALGANO, per avere il piacere di vederla di Notte ed al mattino presto. Si trova a pochi km più a sud del paese di Chiusdino, un paesino affascinante, sulla cima di una collina, con alcuni punti di interesse, che vale la pena visitare.

La visita all’abbazia non richiede molto tempo, ma se si ha tempo risulta interessante vederla in diversi momenti della giornata. Ora si paga un piccolo biglietto per l’ingresso (nel 2017, mentre non si pagava nelle occasioni precedenti). E’ interessante, oltre alla visita della abbazia anche fare una piccola passeggiata sino all’eremo che la sovrasta, sia per visitare questo che per la vista dall’alto sulla abbazia stessa

Se si ha il piacere di una piccola passeggiata a pochi km di distanza si trova il PONTE DELLA PIA ed i vicini ruderi dell’eremo di Santa Lucia. Li ho visti nel marzo 2017.  Il Ponte della Pia si trova lungo la strada Provinciale 73Bis, 3km dopo Rosia arrivando da Siena.  C’è la possibilità di posteggiare in un piccolo spiazzo, poi si deve proseguire a piedi.  Dal ponte, che si trova accanto alla strada, con una semplice passeggiata di pochi minuti si può salire all’eremo. Bastano scarpe comode, il percorso è una piccola carrareccia, sino all’Eremo. La zona dell’Eremo è invece abbandonata.  Purtroppo lo stato di conservazione è pessimo.

Torna a TOSCANA

Torna a ITALIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...